In linea con la tradizione del Regno Unito di ospitare prestigiosi concorsi di fotografia naturalistica e subacquea, nasce nel 2015 UPYLondon, un concorso internazionale consistente in 8 categorie, dedicato esclusivamente al mondo sottomarino
I fautori dell’iniziativa sono tre brillanti fotografi, e scrittori, specialisti in fotografia subacquea, Alexander Mustard, Peter Rowlands e Martin Edge. I 3 fotografi organizzatori sono anche i giudici del concorso.

La stampa internazionale ha ripreso la notizia in dimensioni massicce, assicurando all’evento la massima attenzione del pubblico globale di appassionati.

Di recente, UPYLondon ha annunciato i nomi dei vincitori del premio di “fotografo subacqueo dell’anno” e i vincitori dei premi per le diverse categorie, che sono stati aggiunti nell’edizione di quest’anno.

Gold by Davide Lopresti Italy

Il Premio di “Underwater Photographer of the Year 2016”  va ad un giovane e talentuoso fotografo italiano, Davide Lopresti, autore di una suggestiva immagine di un cavalluccio marino, intitolata ‘Gold’, scattata nella Baia di Sistiana, in provincia di Trieste. L’autore ha raccontato il suo intento di attirare l’attenzione sulla necessità di proteggere questa specie marina tramite campagne di sensibilizzazione e bandi di pesca in alcune aree.

Il fotografo inglese Dan Bolt si è aggiudicato il premio di “British Underwater Photographer of the Year 2016” riservato a cittadini britannici, per una splendida foto che ritrae un embrione di squalo gatto.

Catshark Supernova by Dan Bolt UK

Tra gli altri premi, segnaliamo il premio assegnato al fotografo sudafricano  Pier Mane per “Migliore Fotografo emergente del 2016”,

Three Pillars - Practice, Patience & Luck by Pier Mane

e il premio offerto a Marty Engels Dunmore di “Più Promettente Fotografo Subacqueo Inglese del 2016” con la sua spettacolare foto del relitto di un sottomarino americano, USS Kittiwake.

Marty_Engels_Promising_Underwater_photographer

 

Per vedere le 80 immagini vincitrici dei premi di Underwater Photographer of the Year per il 2016, clicca qui